Blogzine

AD UN ANNO DALLA GRANDE DISCESA DEI MERCATI AZIONARI

Il mercato azionario il 23 marzo 2020 – esattamente un anno fa – ha toccato il fondo con uno dei ribassi più veloci della storia rapportata alla sua ampiezza. Ricordo solo il Black Monday del 1987 con un -22% in una sola giornata e il settembre del 2001 con le ingenti perdite manifestatesi dopo i violenti attacchi alle torri gemelle.

 

Un anno fa tutti e tre i principali indici hanno segnato perdite di oltre il il 30% in sole quattro settimane quando i timori della diffusione della pandemia hanno preso piede. Praticamente tutto è stato venduto senza farsi domande.

 

In molti avranno provato riluttanza e disagio nel guardare i propri portafogli azionari, altri avranno avuto attacchi d’ira apparentemente inspiegabili ed ancora insonnia, frustrazione per la scelta fatta, ansia e chi più ne ha più ne metta. Il tutto legato ad una visione negativa del futuro ma, soprattutto, a causa di una mancanza di regole. Una carenza di metodi per la gestione del momento e soprattutto un’errata pianificazione dei propri obbiettivi personali.

In TEKTA SCF esattamente un anno fa scrivevamo: “Adesso è il momento di acquistare con molta calma e serenità. In modo programmato, non facendo nessuna caso al fatto che magari si acquista e pochi giorni dopo i prezzi scendono.

I tre indici raffigurati hanno reagito in maniera eccellente recuperando ampiamente le perdite segnando performance, in valuta locale, superiori al 70%.

 

 

Tutto ciò non senza momenti di pausa. Come possiamo vedere durante il percorso di crescita degli indici ci sono stati vari momenti di Drow Down, anche del 10%, discese che sono ordinarie in un mercato volatile come quello azionario.

NON SIAMO VEGGENTI E NON RIUSCIAMO A PREVEDERE IL FUTURO MA APPLICHIAMO PRINCIPI SEMPLICI E RAZIONALI NELLA GESTIONE DELLE NOSTRE SCELTE.